ParioliToday

Discarica a cielo aperto e incuria: benvenuti a Villa Chigi

Acqua verde nella fontana e degrado a trecentosessanta gradi

Cartolina del degrado da Villa Chigi

“Villa Chigi è una discarica a cielo aperto. Una volta non era così”. La sintesi non è un dono di tutti eppure il commento riassume il quadro raccapricciante dipinto all’interno dell’area che, in teoria, rappresenterebbe uno dei fiori all’occhiello del quartiere Africano e del Salario. Nella pratica, va da sé, la storia è un’altra: rifiuti sparsi ovunque, monnezza a terra, una scia di bombolette spray come firma del degrado. 

Degrado a Villa Chigi

È una cartolina desolante quella spedita dal Municipio II. La Villa quotidianamente è frequentata da chi fa jogging o da chi ha voglia di sgranchirsi un po’ le gambe con una passeggiata. Messo piede dentro, non è facile fare i conti con il contorno del paesaggio. Ci sono panchine nascoste nella vegetazione per quanto è alta l’erba, la spazzatura spunta in ogni angolo. E la puzza stantìa dell’immondizia, in alcuni punti, raggiunge livelli incommentabili.

villa chigi 8-2

Villa Chigi, discarica a cielo aperto

Il resoconto non si discosta molto da quello registrato a gennaio da RomaToday. All’epoca nella vasca di Villa Chigi galleggiava un cestino dell’immondizia. Oggi, 31 maggio, lo sostituisce un secchio blu. L’acqua, nel frattempo, è verde. La scalinata è intrisa di pezzi di vetro, i tronchi degli alberi sono scarabocchiati e la tristezza prende quota.

Incuria a Villa Chigi

Scendendo i risultati non migliorano. Nello spazio situato vicino all’asilo nido emerge di tutto e di più: lattine di alluminio e frammenti di bottiglie di birra compongono il puzzle. Un raccoglitore dei rifiuti giace supino mentre il sole batte forte. Il caldo potrebbe far pensare a un brutto miraggio. Ma è tutto vero. 

fontanella 1-3

Perdita di acqua a getto continuo

A chiudere la parte bassa, quella del parco Don Enzo Baldoni, dove si trova l’area giochi dedicata ai più piccoli. Pure qui cartacce e plastica colorano l’ambiente, deposte un po’ ovunque, sotto le panchine e non. Ciliegina sulla torta, la perdita d’acqua all’ingresso del parco, lato viale Somalia. “Guarda la marana, ce mancava proprio” sussurra una passante. In fondo si sa: al peggio non c’è mai fine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: positivi due minori della stessa famiglia, chiusi ristorante e centro estivo sulla Casilina

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Coronavirus: undici nuovi contagi nel Lazio, chiusi ristorante e centro estivo nella periferia est

  • Coronavirus, a Roma sette nuovi casi: undici in totale nel Lazio

  • Tragedia a Roma: trovato nella sua auto il corpo senza vita di Rocco Panetta

Torna su
RomaToday è in caricamento