ParioliToday

Viale Libia: Negozi ebrei sigillati da Militia

I negozianti ebraici hanno trovato le saracinesche dei propri negozi incollate. Il gesto porta la firma di “Boicotta Israele Militia” con affianco un fascio littorio. La procura della repubblica ha aperto un fascicolo

Brutta sorpresa per i negozianti ebrei di viale Libia questa mattina. Le serrande dei loro esercizi commerciali sono state sigillate con il silicone. Il gesto porta la firma di Militia. La firma è arrivata con uno striscione con la scritta: “Boicotta Israele. Militia”, corredato da un fascio littorio.

"Ci siamo dovuti rivolgere al fabbro”, ha spiegato il portavoce dei negozi ebraici di viale Libia, commerciante a sua volta, Davide Sonnino. “E' una cosa vergognosa. Dopo aver fatto qualche telefonata, ho saputo che la stessa cosa è avvenuta anche a piazza Bologna e al quartiere Appio-Latino".

L'associazione Militia è quella che ha firmato un'azione analoga nella notte tra l'11 e il 12 gennaio scorso, quando nella zona di Piazza Bologna alcune saracinesche furono marchiate con scritte antisemite.

Su questi episodi la procura della Repubblica di Roma ha aperto un'inchiesta per istigazione all'odio razziale, come previsto dalla legge Mancini, e danneggiamento.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • Incidente via Colombo: auto in un fosso, trovata morta ragazza di 28 anni

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

Torna su
RomaToday è in caricamento