ParioliToday

Apre Ohana: il centro per le famiglie del II Municipio

La struttura gestita da ‘Obiettivo Lavoro’ nei locali di via Cheren 5, riqualificati dopo dieci anni di abbandono: “Valorizziamo bene pubblico e offriamo servizio importante al territorio”

Nel Municipio II apre il centro per le famiglie Ohana: uno spazio pubblico e gratuito di ascolto e di sostegno per tutte le persone del territorio che lavorerà in collaborazione con le istituzioni, le scuole e i servizi sociali. 

Ohana: il centro per le famiglie del Municipio II

Ohana, che nella cultura hawaiana significa “famiglia”, ha trovato posto nei locali di via Cheren 5: quelli rimasti vuoti e abbandonati per quasi un decennio da quando l’ufficio tecnico, che prima aveva proprio li la sua sede, è stato trasferito nel palazzo di via Dire Daua.  

“Per noi l’apertura di questo centro ha un doppio significato: quello di riuscire a dare un servizio importante, e gratuito, alle famiglie del territorio e quello del recupero e della valorizzazione di un bene pubblico. Un percorso lungo e complesso iniziato anche per volontà dell’ ex assessora Cecilia D’Elia a cui va la mia gratitudine” – ha detto la presidente del Secondo Municipio, Francesca Del Bello

Il centro per le famiglie in via Cheren

Pessime le condizioni in cui versavano i locali dove oggi sorge Ohana. “Erano pieni di infiltrazioni, i muri cadevano a pezzi. Quando siamo entrati qui – ha raccontato l’assessore alle Politiche Educative Scolastiche e per la Famiglia, Emanuele Gisci sembrava quasi impossibile recuperarlo ma lo abbiamo fortemente voluto. In questo luogo le famiglie, per troppo tempo lasciate da sole ad affrontare le criticità, si sentiranno accolte e sostenute”. 

I fondi: 140mila euro per Ohana

Il centro per le famiglie Ohana che nasce grazie ad un finanziamento biennale di 140mila euro, tra fondi regionali e legge 285, sarà gestito dalla Cooperativa  “Obiettivo Uomo” che già si occupa di strutture simili in I e III Municipio. 

Ohana opera con un approccio multi-disciplinare a cura di uno staff di educatori, psicologi, psicoterapeuti, mediatori culturali ed avvocati, integrata e coordinata dal Servizio Sociale Professionale del Municipio in rete con i servizi sociali, educativi e sanitari.

“Le basi sono state gettate. Adesso dobbiamo fare squadra e far funzionare bene questo centro” – il commento di Annalisa Scepi di Obiettivo Lavoro. 

Sostegno, mediazione e consulenze per le famiglie

Il centro per le famiglie di via Cheren 5 accoglierà le richieste di aiuto spontanee da parte di ogni cittadino o quelle provenienti dai servizi socio sanitari del territorio attraverso consulenze professionali, trattamenti specialistici e percorsi volti a rafforzare, integrare ed esprimere più efficacemente sia le risorse individuali che le competenze relazionali.

Le aperture al pubblico senza appuntamento sono fissate tre giorni a settimana: il lunedì (9.30-12.30), giovedì (14.30-17.30) e venerdì (9.30-12.30).

Ohana sarà però aperto tutti i giorni offrendo su appuntamento innumerevoli servizi come: sostegno psicologico, consulenza educativa, gruppi tematici, mediazione familiare, mediazione culturale, consulenza legale in diritto di famiglia. 

Il centro Ohana “punto di riferimento contro solitudine”

“Sarà un punto dì riferimento della cittadinanza per combattere la solitudine che spesso – ha aggiunto l’assessora alle Politiche Sociali del Municipio II, Carla Fermariello - colpisce le persone nei momenti di difficoltà o di conflitto nelle relazioni”. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento