ParioliToday

Filmava ragazze sulla metro, "guardone" denunciato dalla Polizia

Il cellulare con telecamera nascosto in un marsupio: l'uomo riprendeva gambe e parti intime di ragazze in gonna approfittando dei vagoni affollati. Decine di filmati trovati nelle memory card

L'armamentario di un esperto di elettronica - telecamera, diverse memory card e tre microchip - e la passione perversa per il "voyeurismo". C.G., 46enne di origini genovesi, trascorreva le giornate alla ricerca di donne con la gonna. Cercando di non dare nell'occhio, con fare disinvolto, l'uomo utilizzava il suo cellulare dotato di telecamera per filmare cosce e parti intime di donne e ragazze in minigonna sui treni affollati della metropolitana.

E' stato un passeggero che viaggiava a bordo della metro a notare l'uomo che, avvicinatosi a delle ragazze, posizionava il marsupio contenente un cellulare sotto le loro gonne e attivava la telecamera per effettuare le riprese. Il viaggiatore si è rivolto all’uomo, chiedendo spiegazioni riguardo al suo comportamento, ma il "voyeur" per tutta risposta, appena il convoglio si è fermato alla stazione di Piazzale Flaminio, è sceso dal  vagone allontanandosi  a passo svelto. A chiamare il 113  una guardia giurata in servizio di vigilanza, allertata  dal cittadino, che nel frattempo era sceso con il 46enne per non perderlo di vista.

Gli agenti del Commissariato Villa Glori, diretto dal dr. Giuseppe Rubino, giunti immediatamente sul posto, hanno bloccato  il "cineoperatore fai da te" mentre cercava in tutti i modi di nascondere il marsupio. E’ stato proprio il  passeggero a raccontare agli agenti che durante il tragitto in metro aveva  visto l’uomo che, approfittando del vagone affollato, si avvicinava a delle ragazze in modo particolarmente “intimo”. Occultate nel marsupio dell’uomo, i poliziotti  hanno trovato tre memory card e una sim card tagliata.

Una volta in ufficio, gli agenti hanno potuto inoltre visionare il contenuto delle microcard, trovando decine di filmati di "vittime" riprese nelle situazioni più disparate: oltre alle passeggere dei mezzi pubblici, anche donne intente a prelevare agli sportelli bancomat, oppure in fila alle casse del supermercato o in procinto di salire delle scale. Al termine degli accertamenti, C.G., è stato denunciato in stato di libertà per molestie e disturbo alle persone.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Lavori al Colosseo: sabato 21 e domenica 22 settembre chiuse 13 stazioni della metro B

  • Incidente via Colombo: auto in un fosso, trovata morta ragazza di 28 anni

  • Tragico epilogo a Ponte di Nona: trovato il cadavere di Amina De Amicis, l'89enne scomparsa 6 giorni fa

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

Torna su
RomaToday è in caricamento