ParioliToday

Parcheggio interrato a piazza Gentile da Fabriano: oggi la sentenza del Tar

I cittadini hanno presentato ricorso per bloccare l’inizio dei lavori. Manca un’indagine approfondita del territorio ed i rischi reali dell’intervento sono preoccupanti

E’ attesa per oggi la sentenza della seconda sezione del Tar in merito al parcheggio interrato a piazza Gentile da Fabriano. A presentare il ricorso, lo scorso 6 luglio, chiedendo di bloccare l’inizio dei lavori, sono stati gli abitanti della zona riuniti nel comitato di quartiere “piazza Gentile da Fabriano”.

Il Consorzio Park ’92 ha già ottenuto dal Comune l’autorizzazione per costruire, quindi potrebbe aprire il cantiere da un momento all’altro. Secondo il comitato, però, ci sarebbero diversi motivi per fermarlo.

In primo luogo, la nuova costruzione, come per il parcheggio di Viale del Vignola, andrebbe a modificare un’area verde, minando la sopravvivenza di una trentina di alberi con più di 70 anni di età, e renderebbe meno stabili le abitazioni del quartiere a rischio idrogeologico.

Il progetto del Consorzio Park ‘92 non rispetterebbe, poi, le nuove regole comunali in materia di parcheggi. In particolare, non prevedrebbe l’attuazione delle norme per la salvaguardia dell’incolumità fisica delle persone come, per esempio, l’istallazione di allarmi e di ripetitori di telefonia mobile. Queste disposizioni, introdotte dall’ordinanza del 27 novembre 2008, valgono anche per i progetti in corso di istruttoria come quello di Piazza da Fabriano e, dunque, dovrebbero essere messe in pratica. 

Secondo il comitato il progetto del parcheggio interrato non rispetterebbe neanche il Piano stralcio di Assetto Idrogeologico, che impone di non costruire vani interrati nella zona e, cosa ancor più grave, il testimoniale di Stato, ovvero la perizia tecnica che certifica lo stato di salute e la situazione del luogo prima dell’inizio dei lavori che il costruttore è obbligato a redigere, sarebbe addirittura falso.

Spiega il signor Brignola, membro del comitato: “Anche se il Consorzio Park ’92 su richiesta dell’ufficio parcheggi del Comune di Roma il 31 dicembre del 2008 ha consegnato tali testimoniali, essi non possono essere validi perché non fotografano la reale situazione della piazza”.

Essi non accennano, infatti, alle infiltrazioni d’acqua nei locali interrati, né agli accostamenti tra gli edifici che testimoniano i continui movimenti del terreno e trascurano completamente il rischio sismico.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento