ParioliToday

Stadio Flaminio nel degrado, appello a Tronca: "Dov'è finito il bando?"

La denuncia viene dal consigliere regionale Fabrizio Santori che ha effettuato un sopralluogo sull'area: "Il panorama è desolante". La richiesta al commissario: "Rimedi al pasticcio dell'amministrazione Marino"

Lo stadio Flaminio nel degrado (Foto Fabrizio Santori)

Continua a far discurete l'abbandono dello stadio Flaminio. L'ultima denuncia arriva dal consigliere regionale Fabrizio Santori che ha effettuato un sopralluogo nell'area. "Lo stadio Flaminio versa in condizioni proibitive, interne ed esterne, inaccettabili per una struttura così importante per lo sport capitolino e nazionale" ha esordito in una nota. "Ho verificato personalmente lo stato della struttura, che da stadio memorabile è divenuto un rifugio di senzatetto". 

Il panorama descritto è "desolante". Scrive il consigliere: "Ho trovato una vegetazione infestante che ricopre gli spalti, le tribune, le strutture e le cancellate esterne. L'acqua si infiltra ovunque e i rifiuti sono disseminati tra la palestra e la piscina, entrambe devastate dalla ruggine" ha affermato descrivendo come si presenta oggi la struttura progettata alla fine degli anni '50 da Antonio Nervi per le Olimpiadi romane del 1960. 

Santori punta il dito contro l'ex amministrazione Marino "che aveva conferito al dipartimento comunale competente l'incarico di proporre un project financing. Ad oggi è lo stesso Dipartimento comunale ad avere l'obbligo di vigilanza sull'impianto e un costo annuo per la manutenzione e vigilanza che si aggira sugli 800.000 euro. Oggi ci chiediamo dove è finito il bando aperto ai privati promesso per mesi".

All'inizio di agosto era stato l'assessore alla Trasformazione Urbana Giovanni Caudo a svelare la presenza di alcuni interessi privati sulla struttura. Obiettivo: utilizzarla per eventi culturali sfruttando anche la vicinanda all'Auditorium. Prima ancora era stato il sindaco Marino, rispondendo ad alcune mobilitazioni che ne chiedevano la riapertura, ad annunciare: "Entro maggio faremo un bando per i privati per la sua riqualificazione". 

Invece ad oggi è tutto fermo. "La giungla in cui è ridotto cancella anni di derby tra Roma e Lazio memorabili, prima dei mondiali del 1990 e i recenti appuntamenti dell'affascinante sei nazioni di Rugby. Chiedo che il nostro stadio Flaminio non diventi un relitto, anche perchè il desiderio di moltissimi romani è vederlo nuovamente attivo e gremito, in tutto il suo fascino". L'appello è al commissario Tronca "affinché consideri quanto sia importante l'impianto per lo sport capitolino e nazionale e si adoperi per rimediare al pasticcio e al lassismo generato dalla giunta Marino". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

Torna su
RomaToday è in caricamento