ParioliToday

Liceo Ripetta, topi tra i banchi di scuola: "Anni di denunce, siamo invasi"

Ieri un ratto in classe, fotografato dagli smartphone degli studenti, l'ultimo dei tanti che si aggirano ormai da tempo tra il verde incolto dei giardini e le aule dei padiglioni. La preside: "Derattazzazione il 17 maggio"

Topo al liceo Ripetta

Nel 2010 le aule vennero chiuse per inagibilità. I topi scorrazzavano tra i banchi. Sette anni dopo il quadro è cambiato poco. Una foto scattata ieri dagli studenti ritrae l'ennesimo sorcio invasore. Sarà colpa del Tevere, così vicino, o dell'erba incolta del cortile, ma il liceo artistico Ripetta sembra condannato a una spiacevole convivenza. Parliamo della succursale dell'istituto centrale, sita in via del Pinturicchio e confinante con il museo MAXXI. 

"Solleviamo puntualmente il problema - spiegano gli studenti - ma sembra proprio che chi di dovere non riesca a risolverlo. Lo abbiamo segnalato tantissime volte alla dirigente dell'istituto, ma a parte una derattizzazione in profondità un anno fa, non è stato fatto più niente. Non diamo la colpa alla preside ma a chi non le da gli strumenti per intervenire come si deve. Abbiamo diritto a studiare in un ambiente salubre". 

Il topo di lunedì è stato semplicemente allontanato, senza stop alle lezioni. Ma la prof.ssa Anna De Santis, preside del liceo, interpellata da RomaToday, garantisce "un intervento programmato per la prossima settimana, in data 17 maggio, durante il quale è stato richiesto di porre particolare cura e attenzione alle aule scolastiche". E sulla gestione generale delle condizioni igienico sanitarie del plesso spiega: "La presenza di topi nella zona in prossimità del fiume Tevere nell’area del quartiere Flaminio è andata man mano aumentando in corrispondenza dello smantellamento delle vecchie caserme abbandonate, in occasione della realizzazione del MAXXI". Si aggiunge l'ambiente del giardino, poco curato "nonostante gli sforzi dell’ente locale e del personale scolastico" a causa "dell’incuria sia degli studenti che di persone esterne che riversano talvolta materiali di scarto e/o immondizia".

D'altra parte rivendica interventi di bonifica, "in sinergia con l’ente locale Città Metropolitana Roma (la scuola, ndr) è attiva dal punto di vista della derattizzazione: a partire da un vero e proprio intervento di bonifica compiuto 6 anni fa, per proseguire con interventi di manutenzione con cadenza almeno semestrale in ogni anno successivo". Quest'anno in particolare, "a seguito delle numerose segnalazioni fatte dalla scuola all’Ente Locale, sono stati già effettuati tre interventi di derattizzazione (ordinarie nei mesi settembre e dicembre, straordinaria in ottobre), con l’apposizione di esche in vari punti della struttura".


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

  • Incidente su via di Castel Fusano: scontro auto moto, morto un 40enne

Torna su
RomaToday è in caricamento