ParioliToday

La moglie è malata e lui la uccide: tragedia al Salario

Giuseppe Rampello, questo il nome dell'omicida, ha confessato il delitto: “Non volevo che soffrisse”. Gli inquirenti stanno indagando per capire l'esatta dinamica del crimine e se vi fosse un accordo con la vittima

Tragedia familiare, ma anche forse della disperazione al quartiere Salario. Un uomo di 62 anni, Giuseppe Rampello, ha ucciso sua moglie Antonia Caccia in via Alfredo Casella 31, nei pressi di piazza Vescovio.

L'omicidio è avvenuto con due colpi di pistola. L'uomo, pressato dai carabinieri, non ha potuto far altro che ammettere il reato. “Era gravemente malata e non volevo soffrisse più”, si è giustificato nel corso dell'interrogatorio. Rampello dovrà ora rispondere di omicidio volontario

L'omicidio sarebbe avvenuto in mattinata. L'uomo sarebbe rimasto fino al tardo pomeriggio a vegliare il corpo e solo quando è rincasata la figlia ventiduenne si è deciso a chiamare la polizia.

Gli inquirenti stanno comunque continuando ad indagare per capire da un lato l'esatta dinamica del delitto e dall'altro per stabilire se vi fosse un piano concordato tra l'omicida a la vittima.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Ponte Mammolo, cadavere vicino i cassonetti: trovate macchie di sangue sui pantaloni

  • Disperso nel lago di Castel Gandolfo: ritrovato dopo 16 giorni il corpo di Carlo Bracco

  • Incidente su via di Castel Fusano: scontro auto moto, morto un 40enne

Torna su
RomaToday è in caricamento