ParioliToday

In via Nizza odissea nel buio: il cuore del Salario spento "da tre mesi"

Lampioni spenti nel tratto tra via Brescia e via Mantova, la denuncia dei residenti: "Uniche luci quelle dei negozi, poi è buio pesto"

Lampioni spenti, strada e marciapiedi in totale oscurità: in via Nizza è odissea nel buio per automobilisti e pedoni. L'arteria nel cuore del Salario, "da tre mesi" - così segnalano i residenti, è priva di illuminazione nel tratto che va da via Mantova a via Brescia. Così percorrerla per molti è diventato un problema. 

Auto e scooter a passo d'uomo, pedoni attenti a non inciampare nei dissesti presenti sui marciapiedi e a farsi notare in prossimità degli attraversamenti pedonali. In via Nizza si viaggia con i fari alti e si cammina con le torce degli smartphone come supporto. 

In via Nizza odissea nel buio

In maggiore difficoltà gli anziani tra vista bassa e tecnologia non sempre a disposizione. Così i pedoni di via Nizza, al calar del sole, da settimane si affidano solo alle uniche flebili luci presenti: quelle delle vetrine dei negozi che tirano fino a tardi, quelle delle insegne luminose o dei fari delle auto in transito. Troppo poco per dirsi sicuri. 

Le uniche luci di via Nizza sono quelle dei negozi

"Solamente le luci degli esercizi commerciali possono dare un po' di illuminazione, spente queste siamo completamente al buio. Sono tre mesi che siamo in questa situazione. Per quanto ancora?" - si domandano dal Comitato 'Roma deve rinascere-Amo quartiere Trieste' denunciando una situazione che li ormai è divenuta insostenibile. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

  • Coronavirus, a Tor Vergata muore un 35enne: non aveva patologie pregresse

Torna su
RomaToday è in caricamento