ParioliToday

Pacco bomba in via Ajaccio: era sotto auto di un imprenditore

L'ordigno, fatto brillare ieri dagli artificieri, al momento del ritrovamento era sotto l'auto di un imprenditore. Si indaga per capire chi fosse il destinatario del pacco: gesto di un mitomane o intimidazione criminale?

Sono tanti gli elementi ancora da chiarire in merito al pacco bomba trovato ieri in via Ajaccio, nel quartiere Nomentano a pochi passi dall'università Luiss, e fatto brillare dagli artificieri. Soprattutto, gli investigatori stanno lavorando in queste ore per capire chi fosse il destinatario dell'ordigno, e al momento nessuna pista pare essere esclusa definitivamente. L'assenza di una rivendicazione e di obiettivi sensibili nelle vicinanze, sembrano comunque far ritenere, al momento, esclusa soltanto la pista terroristica, mentre le piste battute sarebbero quelle di un gesto della criminalità organizzata messo in atto per intimidire qualche pregiudicato, o l'azione di un mitomane o altro ancora.

L'ordigno, al momento del ritrovamento, era sotto l'auto di un imprenditore, il titolare di un'agenzia immobiliare: un pacco che i passanti hanno anche spostato, inconsapevoli di cosa si trattasse. I carabinieri del Nucleo investigativo di via In Selci stanno indagando per capire chi fosse il destinatario di quello che potrebbe essere sia un atto intimidatorio sia "un gesto molto più pericoloso". In queste ore, inoltre, i Ris di Roma hanno effettuato accertamenti per rilevare la natura del materiale contenuto nel pacco: non è escluso che potrebbe trattarsi di esplosivo utilizzato per le cave.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al momento del ritrovamento, l'ordigno era ben visibile e fuoriuscivano dei fili, ma qualcuno precedentemente forse lo aveva spostato sistemandolo vicino l'auto perché intralciava il marciapiede. Poi alcuni negozianti lo hanno portato davanti all'officina di un gommista, convinti che si trattasse di materiale per auto. "Lo abbiamo visto in terra sul ciglio della strada e per questo è stato trasportato dal vicino gommista - spiegano alcuni testimoni -, di certo non pensavamo che potesse trattarsi di una bomba. Questo fatto è inquietante". Saranno vagliate comunque le immagini della strada e in zona per individuare chi ha piazzato l'ordigno in un quartiere abitato soprattutto da professionisti, ma anche da diverse famiglie facoltose della capitale e a due passi dall'Università Luiss. (fonte Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagi: sono 2710 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 2754 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma tre nuovi casi. Altri due nel resto del Lazio

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

Torna su
RomaToday è in caricamento