ParioliToday

Via Nizza e le buche: continuano i disagi per i residenti

Giuseppe Lucà, antiquario, già presidente dell'associazione commercianti di via Nizza, denuncia il continuo aprirsi di buche sulla strada nonostante i lavori di rifacimento del manto stradale

Non sono bastate le numerosissime proteste da parte dei cittadini. La situazione di via Nizza rimane ancora molto critica, tanto da spingere Giuseppe Lucà, antiquario, già presidente dell'associazione commercianti di via Nizza, a denunciare lo stato in cui versa la zona e il continuo aprirsi di nuove buche stradali, nonostante il rifacimento del manto stradale. "Non è possibile che in via Nizza, strada sulla quale sono ancora oggi in corso dei lavori di rifacimento del manto stradale siano già comparse delle buche e degli avvallamenti", dice Lucà che spiega come i lavori siano iniziati da giungo e da quel momento, insieme ai lavori stradali, è iniziato anche il lungo calvario degli abitanti della zona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A giugno i commercianti e i residenti di questa via stanno sopportando l'invasione di ruspe, pale e operai". Ma nonostante ciò, i lavori sono "stati fatti in maniera approssimativa: lo dimostra il cratere apertosi stamattina sul marciapiede della via all'altezza del civico 52". Il commerciante si chiede quindi come sia possibile che "i nostri amministratori locali raggiungano tali vette di incapacità", dal momento che non "hanno neanche terminato i lavori che già la strada torna a sbriciolarsi. Chi pagherà per tali inadempienze?", si domanda amareggiato Lucà, "di certo non pagherà l'assessore ai lavori pubblici del Municipio Roma 2, né tantomeno qualche dirigente del Campidoglio, men che meno i responsabili della ditta che stanno conducendo i lavori". Una situazione dunque, di continua emergenza che spinge il commerciante a definire il Municipio di via Dire Daua e il dipartimento dei Lavori pubblici "il rifugio degli incapaci e degli inetti. Una classe dirigente così scarsa è da Guinnes dei primati: è loro la responsabilità ultima della recente chiusura, avvenuta giusto pochi giorni fa, di altri due esercizi commerciali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Si spegne l’Auchan di Porta di Roma: lo spettro dell’esubero su 250 lavoratori

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento